ULTIME NEWS

mercoledì 6 agosto 2014

BASTA RACCONTARE FROTTOLE! L'ITALIA DEI BURATTINI SI STA SGRETOLANDO A PEZZI ED E' IN PIENA RECESSIONE



I timori vissuti dagli investitori nelle ultime ore si sono rivelati fondati dopo le indicazioni sul PIL del secondo trimestre che hanno sancito il ritorno del nostro Paese in recessione. Vola lo spread BTP-Bund e aumentano le preoccupazioni sull’Italia.

Non si arresta la paurosa caduta di Piazza Affari che continua a perdere posizioni senza riuscire a trovare alcun appiglio per risalire la china. Dopo le vendite di ieri, sulla scia della chiusura negativa di Wall Street il mercato italiano ha avviato anche oggi gli scambi in calo, sintonizzandosi con la tendenza negativa che sta interessando le altre Borse europee. Piazza Affari però mostra una maggiore debolezza relativa con l’indice Ftse Mib che negli ultimi minuti ha accelerato ulteriormente al ribasso, presentandosi a al di sotto dei 19.600 punti, con un calo del 2,38%, dopo aver segnato un minimo intraday un centinaio di punti più in basso. Tra i ribassi più clamorosi di oggi si segnala quello di Fiat che lascia sul parterre oltre sette punti percentuali, ma i ribassisti prendono di mira anche i bancari con Monte Paschi e Banca Popolare di Milano che accusano una flessione di quasi il 5%, giusto per citare le più rilevanti del settore. In un primo momento le vendite sull’azionario italiano, in linea con quelle che stanno colpendo anche gli altri mercati europei, sono state alimentate dalla negativa chiusura di Wall Street e delle piazze asiatiche, sulla scia delle tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina.
A dare il colpo di grazia a Piazza Affari è stato l’aggiornamento sul PIL del secondo trimestre, tanto temuto già nelle ultime ore dagli investitori, e a ragione, visto che le indicazioni diffuse sono state decisamente deludenti per non dire allarmanti. Il dato preliminare del Prodotto Interno Lordo italiano ha evidenziato una variazione negativa su base trimestrale dello 0,2%, in peggioramento rispetto al calo dello 0,1% dei primi tre mesi dell’anno e al di sotto delle previsioni del mercato che si aspettava un rialzo dello 0,1%. Su base annua si è avuta una contrazione dello 0,3%, a fronte della previsione di una variazione positiva dello 0,2%.

La flessione accusata dal PIL nel secondo trimestre è la peggiore degli ultimi 14 anni, visto che per un trovare un valore simile bisogna tornare indietro nel tempo al secondo trimestre del 2000. L’economia italiana torna così in recessione per la terza volta in 5 anni, dopo aver regalato l’illusione di una interruzione della spirale negativa negli ultimi tre mesi del 2013.

 Il commento degli esperti

Luca Mezzomo di Intesa Sanpaolo, con riferimento all’aggiornamento odierno parla di un numero molto sorprendente, affermando che da una parte la produzione industriale aveva fatto registrare un calo dello 0,4%, ma gli indici di fiducia erano coerenti con indicazioni migliori sul fronte del PIL. Dopo la doccia fredda dell’aggiornamento odierno, sulla base dei primi due trimestri, secondo l’esperto c’è una buona probabilità che il dato finale evidenzi una variazione negativa dello 0,1% su base annua. A detta di Citigroup la recessione in Italia non è finita e questo pone il nostro Paese in una condizione di sottoperformance economica. La banca americana si aspetta una ripresa nel trimestre in corso, come segnalato dagli indicatori sull’attività manifatturiera, ma la situazione resta incerta per il nostro Paese. Inevitabile la reazione di Piazza Affari che subito dopo la diffusione del dato ha registrato una brusca accelerazione al ribasso. L’indice Ftse Mib scivola così sui minimi degli ultimi sei mesi, riportandosi su valori registrati verso la fine della prima decade di febbraio. Immediate le ripercussioni anche sul fronte obbligazionario con lo spread BTP-Bund che schizza in alto poco al di sopra dei 168 punti base, con un rally di quasi sette punti percentuali rispetto al close di ieri.

Alla luce delle indicazioni odierne appare del tutto giustificata la preoccupazione palesata ieri da Goldman Sachs per l’Italia. La banca americana ha puntato l’accento sul deterioramento dell’outlook fiscale, segnalando al contempo la fase di stallo dei tagli alla spesa e dei piani di privatizzazione. Gli analisti ritengono che fino a quando il Belpaese non riuscirà ad attivarsi con decisione su questo fronte e fino a quando non ci sarà un ritorno alla crescita, probabilmente si avranno rendimenti più elevati per i BTP, mentre i tassi di interesse più alti porteranno più grandi rischi economici e di credito.

Fonte: Trend-online.com

Lega Sud - Ausonia

Lega Sud Notizie - Alcuni articoli e foto sono prelevati dal web come fonte di notizie. Qualora il proprietario di foto e contenuti volesse richiedere la rimozione delle stesse dal nostro sito, per motivi di copyright, potrà scriverci dal form di contatti. Entro 48 ore il contenuto sarà rimosso dal nostro blog ufficiale.

Posta un commento

 
Copyright © 2013 LEGA SUD - BLOG UFFICIALE
Design by STUDIO EREMITA 4.0 | © LEGA SUD AUSONIA