ULTIME NEWS

lunedì 2 marzo 2015

VOI CON SALVINI AL FESTIVAL DEL CENTRALISMO CIALTRONE EUROROMANO


Dopo le devastazioni subite ad opera degli hooligans olandesi, si sono tenute nello scorso fine settimana le manifestazioni che hanno visto protagonisti Salvini, la destra ed i fascisti da un lato, ed i comunisti, i fuoriusciti dei cessi sociali, i clandestini ed i ROM dall’altro. La città eterna è stata ostaggio della prova muscolare del regime statalista e centralista che ha così potuto ripescare il sempre valido evergreen della finta contrapposizione ideologica per poter andare avanti, secondo la gattopardesca logica del “tutto cambi, affinché nulla cambi”.

Doveroso partire dalla manifestazione voluta da Salvini (“Renzi a casa”) e del livello ormai insopportabile di sovraesposizione mediatica del segretario federale di quella Lega Nord che oggi è diventata un vero e proprio partito nazionalista itagliano. Dopo aver ovviamente smesso i panni di movimento federalista ed indipendentista con cui ha ingannato tante persone, che hanno accarezzato un sogno di libertà e di affrancamento dal dispotico sistema dei partiti.

Un’operazione voluta a tavolino da quel Berlusconi che – giova ricordarlo – è in realtà il vero proprietario del Carroccio dal momento che la Lega di fatto è stata svenduta da Bossi circa 15 anni fa all’ex Cavaliere, così come abbiamo avuto già modo di raccontare in un altro articolo pubblicato sul nostro blog.

Nelle immagini che abbiamo visto ieri circolare anche sul web, fra i manifestanti c’erano anche le foto di Mussolini e questo basta ed avanza per farsi un’idea sull’attuale corso degli ex celoduristi padani, che ormai hanno ripudiato e sacrificato il pensiero di Cattaneo e di Miglio, in nome di quattro cadreghe che necessitano, per poter essere mantenute, di una squallida operazione elettorale da condurre in quel centro-sud, oggetto spesso e volentieri in tempi anche recenti di pesanti insulti da parte dello stesso Salvini e dell’attuale establishment leghista!!!!

È bene che la Lega itagliana 2.0 sappia, che noi saremo sempre la loro dolorosissima spina nel fianco e che non smetteremo mai di ricordare in qualsiasi sede, il trattamento che ci è stato riservato da costoro sia nel 2001 che lo scorso anno!!!!

Il nuovo leader di un centrodestra in crisi di identità può essere considerato l’oppositore ideale del bamboccio ebetino voluto dai poteri forti, visto e considerato che non propone nulla di nuovo.

Le uniche vere alternative a questo sistema si chiamano  INDIPENDENZA e SECESSIONE, così come ormai da quasi 20 anni andiamo ripetendo a gran voce, secondo i dettami dell’articolo 20 della Carta ONU che parla di autodeterminazione dei popoli.

Credere di poter cambiare con un sistema come questo, dove il regime dei partiti continua a fare i porci comodi, non solo è utopistico ma a questo punto rasenta anche addirittura la complicità palese e consapevole. La Lega Nord, all’indomani dell’ottimo risultato ottenuto alle scorse elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo aveva di fronte a sé l’irripetibile opportunità di diventare un punto di riferimento per tutti i movimenti indipendentisti presenti lungo lo stivale e di avviare una vera e propria confederazione che lavorasse seriamente sui propri territori di appartenenza in nome del sacro ed inviolabile principio “OGNUNO PADRONE IN CASA PROPRIA”.

Ed invece, nulla di tutto questo ci è stato dato di vedere, dal momento che sin dal Congresso Federale di Padova dello scorso luglio, la linea del Carroccio è stata diametralmente opposta a quelle che erano le nostre aspettative.

Abbiamo avuto fiducia in Salvini dandogli il nostro appoggio per le Europee, ma evidentemente ci sbagliavamo. Pur non rinnegando per niente la nostra visione sul tipo di Europa e sulla truffa della moneta unica europea, che ancora tanti danni ci stanno arrecando.

Le ricette proposte da Salvini, quali alternative rispetto a quelle propinateci da Renzi, meritano poi un discorso a parte: ancora non abbiamo capito, anche in questo caso, da quale parte voglia stare. Se l’ipotesi di applicazione di una “flat tax” unica al 15% ci trova completamente d’accordo, non riusciamo a capire come ciò possa poi conciliarci con misure tipicamente keynesiane volte all’espansione della spesa pubblica, arrivata ormai a livelli insostenibili.

Meno tasse, meno spesa pubblica: è questa l’unica soluzione per poter uscire dal pantano, magari con la privatizzazione di autentici carrozzoni come ad esempio l’INPS che non solo ci costano tanto, ma che addirittura oggi con la vergognosa Legge Foriero costringeranno tantissimi quarantenni e cinquantenni a schiattare praticamente sul posto di lavoro, dopo aver versato (quale danno che si aggiunge alla beffa!) contributi ad un’istituzione parassitaria com’è appunto l’attuale previdenza sociale!!!

A Roma, lo abbiamo visto appassionatamente insieme alla destra della Meloni ed ai fascisti di Casa Pound: a questo punto, ci aspettiamo che non ci venga più a parlare di temi come il federalismo e l’indipendentismo perché la sua attuale collocazione politica con il più becero nazionalismo itagliano non lo rende affatto un interlocutore credibile, per una riforma in senso realmente federale di uno stato ridicolo ed in avanzato stato di decomposizione come questo!!!

L’altra faccia della medaglia statalista e centralista, è quella di sinistra e comunista capace di ingannare la gente con la retorica e le menzogne e di dare spazio a delinquenti di ogni risma e razza. Pur di evitare (?!) lo svolgimento della manifestazione della Lega nazionalista itagliana, dall’altro lato della barricata sono stati sobillati ed azionati i soliti fuoriusciti dai cessi sociali che, insieme ai ROM ed ai clandestini, rappresentano la feccia di questo paese! Una schiera di fancazzisti, figli di papà e di consumatori di canne, buoni solo a fare casino ed aizzati in ciò da questo regime, quando i cittadini iniziano ad aprire gli occhi ed a ragionare non più sulla stupida e ritrita contrapposizione ideologica.

Riteniamo sia a dir poco paradossale poi, che chi venga qui senza un serio e valido permesso di soggiorno e chi fonda il proprio stile di vita sugli scippi e sulle rapine, accampi e reclami diritti che non può e non deve avere!!!!

In un paese realmente civile e democratico costoro sarebbero stati già espulsi da tantissimo tempo ed invece siccome questa sinistra mafiosa e comunista lucra sulla speculazione dei disperati (lo scandalo Mafia Capitale deve ancora dirci tantissimo sul ruolo delle coop rosse su questo autentico mercimonio!), ecco che ce li ritroviamo davanti in un contesto già di per sé abbastanza complicato.

E questo non solo perché è un problema riuscire a smaltire la munnezza umana che ci ritroviamo già in casa e che assume i nomi di camorra, mafia, ‘ndrangheta e sacra corona unita.

Ma anche perché con una disoccupazione giovanile che si aggira attorno al 50% (il 60-70% in alcune aree del sud) ed una nazionale che si è ancorata al 13%, ci chiediamo quale attività lavorativa regolare e facilmente controllabile anche dal punto di vista squisitamente fiscale, possano svolgere le tante risorse volute da quelli scellerati di Alfano, Boldrini, Renzi e Kyenge!!!! Non si tratta di razzismo, ma di impossibilità tangibile e concreta nel farci da soli carico di un problema di cui invece questa Europa delle lobby e dei potentati economici, si sta vigliaccamente e pilatescamente lavando le mani!!!

Tornando ai fuoriusciti dai cessi sociali, li si riconosce poi per i loro discorsi vuoti e sconclusionati ma soprattutto perché non fanno un cazzo dalla mattina alla sera. Questo perchè inoltre provengono da famiglie benestanti dove magari il paparino ha la casa in montagna e lo yacht, ed all’occorrenza gli da pure la paghetta settimanale per poter cazzeggiare! Vivendo da mantenuti, possono dunque fare i rivoluzionari ed i fannulloni all’occorrenza. Divertendosi, a tempo perso, a sfasciare le città (tanto alla fine paghiamo noi il conto!!!) ed a giocare con i loro compagni di merenda fascisti per far vedere ancora che esistono queste due ideologie, solo perché sono utili idioti del regime che deve trovare il modo di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica, dalle proprie gravissime nefandezze!!!

Ci chiediamo dov’erano costoro, mentre la parte più violenta della tifoseria del Feyenoord metteva a soqquadro alcuni dei più importanti monumenti della città. Probabilmente, stavano assistendo compiaciuti alla devastazione ed allo sfascio visto che nel loro DNA esiste solo un odio sociale cieco nei confronti della cultura e di chi osa produrre ricchezza e sviluppo!!!

Del resto che attendibilità può avere questa sinistra, quando ormai si è capito chiaro e tondo che le tasse che ci costringe a pagare servono solo a soddisfare i vizi ed i capricci degli “amici degli amici”?

Francesco Montanino

 

Lega Sud - Ausonia

Lega Sud Notizie - Alcuni articoli e foto sono prelevati dal web come fonte di notizie. Qualora il proprietario di foto e contenuti volesse richiedere la rimozione delle stesse dal nostro sito, per motivi di copyright, potrà scriverci dal form di contatti. Entro 48 ore il contenuto sarà rimosso dal nostro blog ufficiale.

Posta un commento

 
Copyright © 2013 LEGA SUD - BLOG UFFICIALE
Design by STUDIO EREMITA 4.0 | © LEGA SUD AUSONIA