ULTIME NEWS

martedì 21 giugno 2016

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016: AVANZANO SOLO ASTENSIONISMO E SFIDUCIA...



Tutto come previsto. Nulla di nuovo dalle elezioni amministrative, in cui le previsioni della vigilia sono state nel complesso rispettate. Vittorie del M5S a Roma e Torino, testa a testa con successo di misura del centrosinistra a Milano, riconferma di Giggino “o’ sindachino” a Napoli e sonore batoste per la Lega 2.0 di “felpetta” Salvini che ha clamorosamente perso Varese, autentica roccaforte del Carroccio per quasi un quarto di secolo.
In tutto questo squallore, inoltre, non ci stupisce per finire la vittoria di Clemente Mastella a Benevento, nonostante si tratti di un volto tutt’altro che ignoto all’elettorato pecora itagliano! L’unico dato di fatto che realmente va rilevato è la percentuale altissima degli astensionisti (che sono ormai circa la metà degli aventi diritto al voto) che unita al numero sempre presente delle schede nulle e bianche rappresentano il vero partito di maggioranza assoluta presente in questo sgangherato paese. Stiamo parlando di cifre che superano quasi ovunque il 50% e dunque di un numero di cittadini che non si sentono per nulla rappresentati ed attratti dall’attuale offerta politica. Capace di prendere in giro e disattendere promesse e speranze, ed incapace dunque di dare risposte concrete.
Analizzando gli spunti più interessanti di questa tornata elettorale, che ha segnato anche una prima sconfitta di Renzi che ci si auspica possa ripetersi anche in autunno quando si tornerà alle urne per votare quella pasticciata, sconclusionata e pericolosa proposta di cambiamento (in senso più centralista e dittatoriale, naturalmente) della Costituzione, non si può fare a meno di evidenziare i casi politici legati soprattutto a due nostri bersagli dei giorni nostri (Giggino De Magistris e Salvinetto), insieme ad un ritorno in grande stile (Clemente Mastella da Ceppaloni).
Iniziamo dal riconfermato sindachino di Napoli che, dopo le scene di autentico delirio che ne hanno accompagnato la chiusura della campagna elettorale, può vantarsi di essere il primo cittadino del 25% dei partenopei! Un dato che parla da solo, a dispetto dei toni assurdamente ed inutilmente trionfalistici di queste ore, oltre che di ciò che non è stato fatto in questi anni.
Disoccupazione ancora alle stelle, strade dissestate e piene di buche, mancanza di sicurezza nelle periferie e nelle aree ancora soffocate dal giogo camorristico, questione stadio ed impianti sportivi lontana dall’essere concretamente risolta e fiera dello spreco di soldi pubblici: nonostante questi “primati”, c’è ancora una fetta di napoletani che si sono fatti abbindolare dai toni da stadio e dall’inconcludenza di un sindaco capace di fare anche peggio di Bassolino (sic!) e Jervolino. Se poi pensiamo che l’alternativa era rappresentata da Lettieri, si capisce che Napoli probabilmente merita di trovarsi in queste mani. Sino a quando la classe politica partenopea sarà espressa dai De Magistris o dai Lettieri di turno, non servirà a nulla continuare a lamentarsi ed a fare i leoni da tastiera.
L’unica alternativa si chiama secessione, ma sino a quando si continuerà a non voler capire che l’itaglia è il problema e non certo la soluzione, si capirà il perché le cose nell’antica Partenope non cambieranno mai.
Ci spostiamo di alcuni chilometri ad est, e nella tranquilla Benevento con sconcerto notiamo che l’immarcescibile Clemente Mastella è stato eletto sindaco al secondo turno! Viene voglia di dire con ironia, “il nuovo che avanza” dove il ceppalonese semmai è soprattutto un avanzo putrefacente di quella Prima Repubblica che pensavamo fosse stata consegnata alla storia. E che invece si ripropone anche oggi, a conferma che il popolo bue itagliano ha una memoria assai corta….Un vero e proprio caso clinico, se pensiamo che gli antichi abitanti del capoluogo sannita avevano una certa repulsione nei confronti del potere che strangola e nega diritti ai cittadini. I tempi sono evidentemente cambiati, ma in peggio. Ed anche qui, ci viene da dire, siamo di fronte ad un deciso passo indietro.
Cambiamo latitudini e finalmente arrivano buone notizie. Era preventivabile che la svolta centralista della Lega non trovasse nelle urne la giusta punizione. E così lo statalista Salvini si trova a dover cedere Varese (autentica roccaforte per quasi 25 anni!), rimediando una sonora batosta. L’appiattimento verso il centrodestra e gli (s)fascisti sfigati della Meloni non poteva che produrre tali risultati.
La base del Carroccio evidentemente ha capito i giochetti e le giravolte tipicamente democristiane di un movimento che ormai di federalista ed indipendentista non ha più nulla e che ha tradito sogni ed aspettative di quei militanti che per anni hanno cullato un sogno di libertà e vera democrazia. Avevamo avuto il sentore, da tempi non sospetti, di una svolta in negativo di una Lega Nord diventata ormai un partito interno al regime in tutti i sensi. Occorrerebbe a questo punto, davvero una ruspa (utilizzando il linguaggio tanto caro a Matteo 2, quando parla dei campi nomadi che – è bene non dimenticarlo mai - il suo partito negli anni scorsi ha voluto) su quel che resta di un partito che ha utilizzato quei temi seri, solo per darsi un tono. Ma senza nemmeno sapere poi – e di prove ne abbiamo avute a bizzeffe, in questi anni – in cosa realmente consistesse….
Salvini versione pescivendolo a Marsala: che stia trovando la sua dimensione umana giusta?
Chiosa finale per i grullini, i piddini ed i berluschini. I primi hanno conquistato Roma e Torino, ingannando con la loro proverbiale demagogia tanti ignari elettori che hanno riposto in loro le speranze di cambiamento e la protesta. Hanno già dimostrato a Parma ed a Livorno (centri di non certo grandi dimensioni) di non saper governare, lasciando queste due città con una montagna di debiti e problemi che si sono ulteriormente aggravati. Sarà molto difficile che nella capitale e nel capoluogo piemontese sapranno fare meglio, e dunque potremmo ritrovarci in breve con elezioni anticipate considerando la loro inettitudine nel soddisfare le esigenze dei cittadini. 
I seguaci di Renzi raccolgono i cocci delle politiche dissennate ed arroganti del proprio premier mai eletto dal popolo: la gragnuola di tasse, il buonismo e le figuracce rimediate anche sul proscenio internazionale (hanno fatto letteralmente il giro del mondo le immagini del pinocchio fiorentino mentre gioca e smanetta con il suo smartphone sotto lo sguardo glaciale e disgustato del presidente russo Vladimir Putin, al recente vertice di San Pietroburgo) sono soltanto la cartina di tornasole di un personaggio che non perde l’occasione per manifestare la propria totale ed ormai acclarata incapacità nel gestire i tanti problemi di un paese che sta per colare a picco. 
Sotto la spinta di un debito pubblico insostenibile e politiche immigratorie che servono solo ad arricchire in maniera squallida le cooperative che stanno facendo un vero e proprio business sull’accoglienza, il PD conserva perde buona parte dei Comuni che sono andati alle urne (da 21 si è passati a 9) e manifesta tutta la sua attuale debolezza. Le spaccature sono sempre state all’ordine del giorno, a sinistra. E nemmeno Renzi può dirsi immune dai contrasti che si stanno verificando all’interno del proprio partito e che rischiano di farlo trovare con una maggioranza ulteriormente risicata in autunno, quando si voterà per il referendum costituzionale sul quale il premier intende sparare le sue ultime cartucce. Pena – parole sue, ma gli crediamo assai poco – l’uscita dal proscenio politico.
Un discorso a parte merita infine, quel che resta del partito-azienda dell’ex Cavaliere, al secolo Silvio Berlusconi. Sua Emittenza, recentemente sottoposta ad un delicato intervento chirurgico, farebbe meglio ad andare in pensione visto che ormai Forza Itaglia prende anche meno voti (ed il che è tutto dire!) della Lega (s)fascistoide. Il perenne oscillare fra l’appoggio indiretto a Renzi e la volontà di ricompattare le fila di un centro-destra senza arte, né parte sono il segnale più evidente di un soggetto politico ormai in stato di decomposizione.
Insomma, con tale prospettiva politica ci sono tutti i presupposti affinché possa finalmente esserci una svolta in senso autenticamente e realmente federale. Ma sarebbe opportuno che intorno a quel progetto che abbiamo lanciato alcuni anni fa e che risponde al nome di Popoli Sovrani, le varie realtà indipendentiste ed anti-sistema trovino la propria casa comune!

Francesco Montanino

Lega Sud - Ausonia

Lega Sud Notizie - Alcuni articoli e foto sono prelevati dal web come fonte di notizie. Qualora il proprietario di foto e contenuti volesse richiedere la rimozione delle stesse dal nostro sito, per motivi di copyright, potrà scriverci dal form di contatti. Entro 48 ore il contenuto sarà rimosso dal nostro blog ufficiale.

Posta un commento

 
Copyright © 2013 LEGA SUD - BLOG UFFICIALE
Design by STUDIO EREMITA 4.0 | © LEGA SUD AUSONIA